Dott. Claudio Lambertoni

I turbinati nasali e l'ipertrofia dei turbinati

turbinali nasali

Quando si parla di Ipertrofia dei Turbinati si intende un "gonfiore cronico delle mucose nasali che rivestono i turbinati".

Questa forma morbosa è caratterizzata da un'aumento permanente delle dimensioni della mucosa nasale dei turbinati.

I turbinati sono tre "sporgenze ossee" situate in ogni fossa nasale e sono formati da una piccola "lamina" di osso ricoperta da mucosa e dal sottostante abbondante tessuto cavernoso (connettivo con molti vasi venosi ed arteriosi). 

Le allergie nasali, le infezioni ripetute, l'inalazione abituale di alcune sostanze negli ambienti di lavoro, il fumo e l'utilizzo continuo di gocce nasali (vasocostrittori), i disturbi del sistema immunitario, l'aumento di ormoni nella gravidanza, l'uso di farmaci contro l'impotenza, determinano uno stato infiammatorio cronico che causa l'aumento di volume dei turbinati chiamato appunto Ipertrofia dei Turbinati.

I turbinati, risentono in particolare degli effetti dei vasocostrittori contenuti nelle gocce nasali decongestionanti. Questi farmaci, all'inizio, creano un senso di benessere legato alla riduzione del sangue nella mucosa nasale (vasocostrizione), ma il loro uso prolungato oltre i 7 giorni, determina un "gonfiore cronico e progressivo" dovuto agli effetti di vasodilatazione (aumento dell'afflusso di sangue) che seguono alla iniziale vasocostrizione.

Proprio per questo motivo l'uso continuo delle gocce per il raffreddore crea danni gravi e permanenti (conosciuto come effetto rebound delle gocce nasali).

Anche i nuovi farmaci per trattare l'impotenza possono causare congestione nasale per l'effetto di vasodilatazione, ma il loro effetto è solo transitorio e non esiste assuefazione.

Frequentemente si associano alle patologie suddette anche deviazione del setto nasale e altre anomalie congenite tipo le conchae bullose. Queste anomalie della anatomia del naso possono favorire e talvolta anche scatenare le altre patologie.

Oggi esistono nuove tecniche miniinvasive, come la Laser Chirurgia dei Turbinati e il Coblator, eseguibili in anestesia locale nelle quali si può riuscire ad evitare l’utilizzo dei fastidiosi tamponi nasali e si può essere dimessi già dopo poche ore dall’intervento.

Chiama ora  Richiedi Info

Video

Laser chirurgia dei turbinati

Intervista su Sky del Dott. Claudio Lambertoni sulla ipertrofia dei turbinati e sulla rinite ostruttiva. Presentazione di una efficace tecnica personale di laser chirurgia in anestesia locale, indolore e senza tamponi.

Vai al video

russamento e apnee del sonno

Intervista su Sky del Dott. Claudio Lambertoni sul russamento abituale e sulle apnee del sonno. Sintomatologia, diagnostica e terapie chirurgiche e mediche.

Vai al video

rinoplastica oggi

Intervista su Sky del Dott. Claudio Lambertoni sull'intervento di rinoplastica estetica e, in particolare, sulle tecniche chirurgiche più attuali che consentono ottimi risultati estetici ed il rispetto totale delle funzioni nasali.

Vai al video

tutte le malattie in cui si manifesta l'ipertrofia dei turbinati

L'Ipertrofia dei Turbinati si può presentare in diverse patologie del naso e dell'organismo:

  Rinite Vasomotoria (infiammazione cronica del naso senza una causa evidente)

  Rinite Farmacologica (se causata da abuso di decongestionanti)

  Rinite Allergica (se coesistono allergie documentate ad inalanti o alimenti)

  Rinite Gravidica (causata da ormoni, durante la gravidanza e l'allattamento)

  Nares (se è presente nel muco nasale aumento degli eosinofili)

  Naresma (se è presente nel muco nasale aumento degli eosinofili e delle mastcellule)

  Narma (se è presente nel muco nasale aumento delle mastcellule).


RINITE VASOMOTORIA (detta anche ipereattività nasale aspecifica) 

ll paziente affetto da questa patologia reagisce in modo anomalo (iper-reattività) al caldo e al freddo, alle variazioni di umidità, all'inalazione di polveri e a stimoli emozionali. I sintomi sono prevalentemente rappresentati da congestione nasale (senso di naso chiuso), La diagnosi si formula sulla anamnesi, sugli esami strumentali e sulla negatività dei test allergici.

 

RINITE DA FARMACI (detta anche rinite iatrogena)

Questo tipo di rinite è secondario all'uso reiterato di spray o gocce nasali decongestionanti che contengono vasocostrittori. Il paziente che si abitua all'utilizzo di questi farmaci, molto utili per brevi periodi nel raffreddore (non oltre 6-7 giorni), va incontro ad un fenomeno di tipo tossico, che si esplica a livello della mucosa nasale cagionando un aumento di volume dei turbinati (ipertrofia).

La vasocostrizione (diminuzione dell'aflusso di sangue) causata dal farmaco dura alcune ore ed è normalmente seguita da un fenomeno di vasodilatazione (aumento di afflusso di sangue) per cui il paziente ritorna alla condizione di partenza.
Nell'utilizzo reiterato della medicina (più di 8-10 giorni) la vasodilatazione risulta essere più intensa del normale e fa "gonfiare" la mucosa nasale (rebound effect).

I sintomi più tipici sono rappresentati da: ostruzione respiratoria nasale (naso tappato), scolo mucoso o sieroso dal naso (mucorrea), cefalea e ipoosmia (calo di percezione degli odori).

 

RINITE ALLERGICA (detta anche iperreattività nasale specifica)

la rinite allergica si divide in due tipi: la forma stagionale e la forma perenne

Rinite allergica stagionale o periodica; "febbre da fieno" E' scatenata da allergie ai pollini di alcuni alberi in primavera, delle graminacee in estate, di diversi tipi di erbe in autunno. I sintomi più frequenti sono: prurito al naso, starnuti, idrorrea nasale (scolo di siero dal naso), naso "tappato" e bruciori.

Rinite allergica perenne o aperiodica E' sostenuta da allergie ad allergeni "domestici": acari, polveri, insetti e derivati epidermici animali (peli del cane e del gatto, piume). I sintomi sono simili a quelli delle forme stagionali, ma durano per tutto l'anno.

La diagnosi viene formulata già solo sulla storia riferita dai pazienti (anamnesi).
I test diagnostici (test cutanei e sierologici) confermano e dettagliano il tipo di allergia.

RINITE GRAVIDICA

La RINITE GRAVIDICA (chiamata anche Rinopatia Ormonale) è un tipico disturbo della gestazione e dell'allattamento. Si manifesta nel 60% circa delle gravidanze. Si tratta di raffreddore persistente con ipertrofia dei turbinati ed edema delle mucose nasali dovuto a cause ormonali, all'aumento degli estrogeni e del progesterone.

Chiama ora  Richiedi Info

NARES, NARESMA e NARMA

La NARES, la NARESMA e la NARMA sono forme di recente acquisizione e identificano riniti croniche con attivazione del sistema immunitario. Il paziente affetto da queste riniti particolari, dovrà curarsi in modo assiduo anche dopo eventuali interventi chirurgici. In queste patologie, che si associano frequentemente ai polipi nasali, la recidiva della ipertrofia dei turbinati è più frequente.
La diagnosi di queste forme avviene grazie a tutti gli esami che si tratteranno in un capitolo dedicato (diagnosi) e mediante un nuovo esame, non invasivo, che studia la popolazione cellulare del muco nasale (Citologia Nasale, Rinocitogramma).

 

Come riconoscere i sintomi dell'Ipertrofia dei Turbinati?

I sintomi causati dall'Ipertrofia dei Turbinati vengono accentuati da variazioni climatiche ed ambientali (cambi di stagione, cambiamenti di temperatura e di umidità dell'aria) e sono caratterizzati prevalentemte da:

 senso di ostruzione respiratoria nasale (dspnea nasale)

 scolo di secrezioni di muco dal naso verso la gola (mucorrea)

 mal di testa (cefalea)

 secchezza della bocca (xerostomia)

 alito cattivo (alitosi)

 alterazioni dell'odorato e del gusto (ipoosmia, ipogeusia)

 mal di gola e gola "secca" recidivanti (faringite)

 sinusiti (infezioni dei seni paranasali)

 russamento e apnee del sonno

 otiti recidivanti o croniche

come viene fatta la diagnosi?

La Diagnosi dell'Ipertrofia dei Turbinati viene formulata dall'Otorinolaringoiatra mediante l'anamnesi, una prima visita, una videondoscopia nasale, il Test di Decongestione Nasale, la Rinomanometria ed il Rinocitogramma (un nuovo esame che studia la "popolazione delle cellule del muco nasale", cioè la citologia nasale).

In caso in cui coesistano anche russamento e apnee si utilizzano anche altri esami dedicati per una diagnosi più completa possibile (vedi: Russamento e Apnee del Sonno).

Il Dott. Claudio Lambertoni utilizza la nuova tecnica miniinvasiva di Laser Chirurgia e Coblator per l'Ipertrofia dei Turbinati. Non si utilizzano mai i fastidiosi tamponi nasali e si opera con la sola anestesia locale coadiuvata dalla sedazione. L'intervento dura pochi minuti e già il giorno successivo si possono riprendere le proprie mansioni lavorative.

Per una prima Diagnosi accurata ed un Appuntamento nello Studio Medico più vicino a te, Contattaci senza impegno!

Chiama Ora  Richiedi Info

quale terapia utilizzare per curare l'ipertrofia dei turbinati?

 TERAPIA MEDICA

La terapia medica si avvale dell'uso di Spray Nasali a base di sterodi (fluticasone), di lavaggi nasali (soluzioni saline), di antiistaminici e di cortisone per bocca.
Tuttavia, quando si è instaurata una importante ipertrofia, i turbinati non rispondono più alla cura medica e diventa indispensabile la chirurgia.

 TERAPIA CHIRURGICA 

La chirurgia "tradizionale", in anestesia generale, si basa su interventi con ricovero ospedaliero di due/tre giorni, talvolta con qualche disagio per i pazienti dovuto alla necessità di eseguire un tamponamento nasale per evitare possibili emorragie.

Gli interventi di chirurgia "tradizionale" sono solitamente di due tipi:

  • Turbinectomia Parziale
  • Decongestione della Sottomucosa in Anestesia Generale

Una validissima alternativa agli interventi "tradizionali" è rappresentata oggi dalla Chirurgia Miniinvasiva che vede in auge la Tecnina di Laser Chirurgia dei Turbinati e la radiofrequneza con coblator.

Nuove Tecniche Miniinvasive di Chirurgia dei Turbinati

Oggi esistono nuove tecniche miniinvasive eseguibili in anestesia locale nelle quali si può riuscire ad evitare l’utilizzo dei fastidiosi tamponi nasali e si può essere dimessi già dopo poche ore dall’intervento.

Il razionale degli atti chirurgici è quello di ripristinare lo stato della mucosa nasale ipertrofica e danneggiata.

La finalità comune a tutte le tecniche è la riduzione di volume dei turbinati, che vengono, in tal modo, ricondotti alla forma normale, precedente ai danni prodotti dalle patologie (decongestione sottomucosa).

Gli interventi si eseguono generalmente in sedazione, che si ottiene con farmaci stabiliti e utilizzati dall’anestesista per indurre la massima tranquillità e rilassamento.

Anche se decisamente miniinvasive queste procedure sono comunque veri e propri interventi chirurgici e vanno eseguite da personale esperto, sempre con la presenza dell’anestesista, presso ospedali, case di cura o “day surgery” dotate di ogni sicurezza.

Le tecniche più innovative sono rappresentate dalla Laser Chirurgia dei Turbinati, tecnica ottimale adottata dal Dott. Claudio Lambertoni, dalla Risonanza Quantica Molecolare, dalla Radiofrequenza e dal Microdebrider. Vedi tutte le Tecniche a Confronto  

In base alla nostra eperienza possiamo affermare che la tecnica più efficace e meno invasiva per il paziente sia la Laser Chirurgia dei Turbinati, ovvero la cosidetta Tecnica di Decongestione della Sottomucosa con Laser a Diodi e Coblator.

 

 Non hai trovato quello che cercavi, alcune informazioni ti sono state insufficienti o hai maggiori domande sull'operazione?
Vedi tutte le Domande e Risposte sull'Ipertrofia dei Turbinati o Contattaci per Maggiori Info  

 Si effettuano Visite e Esami presso:

 Milano: Centro medico Futura

Studio Dott. Claudio Lambertoni
Viale Col di Lana 2 - Tel: 02 89408943

 Milano: presso la Clinica Columbus
via Buonarroti 48 - Tel: 02 48080608

 Roma: presso la Clinica Quisisana
via G. Porro 5 - Tel: 334 2880508 - Numero Verde: 800 97 42 73

 Si effettuano Interventi di Laser Chirurgia e Coblator dei Turbinati in Clinica a:

 Milano: presso la Clinica Columbus
via Buonarroti 48 - Tel: 02 48080608

 Milano: presso Clinica "La Madonnina"
via Buonarroti 48 - Numero Verde: 800 97 42 73

 Roma: presso la Clinica Quisisana
via G. Porro 5 - Numero Verde: 800 97 42 73

  Convenzioni per Interventi ai Turbinati:

Siamo Convenzionati in Forma Diretta con tutte le Assicurazioni per VisiteEsami e per gli Interventi.

Non siamo convenzionati con SSN.